Sabato sera le ragazze giallo-blù hanno disputato la terza partita di campionato in casa del Legnaro.
Seconda trasferta consecutiva per le Teresa's girl che si trovano ad affrontare una squadra morfologicamente (arrivavo all'ombelico a una sola di loro e non,come nelle due partite precedenti, al 90% della squadra) e tecnicamente (gran difesa e buon attacco) molto simile alla nostra.

Dopo la pausa estiva si torna a provare l'ebrezza di viaggiare con Loris Viaggi e si ritorna alle vecchie abitudini (non posso raccontare quello che succede durante il viaggio, ho prestato giuramento al patto: "tutto ciò che viene detto in corriera resta in corriera").
Alla partenza mancavano all'appello Spagnoletto E. causa lavoro e Sandrin bloccata a letto o forse al bagno causa influenza.
Giunti in quel di Legnaro con un modesto e al quanto raro anticipo, c'è stato anche il tempo per una rigenerante pausa caffè in un bar molto in della ridente cittadina universitaria.
Ma arriviamo al sodo: partita decisamente impegnativa per la pallavolo Meduna. La squadra di casa è riuscita, nelle prime due gare di campionato, a mettere in difficoltà  le avversarie portandole sempre al quinto set.
L'intero metch si è giocato prevalentemente in difesa, grandi recuperi da parte delle padrone di casa hanno messo in evidente dificoltà  le ragazze del meduna che faticavano pareccchio per riuscire a chiudere il punto. In svantaggio in alcune frazioni di gioco le ragazze guidate da capitan Ostanello sono riuscite ad aggiudicarsi i tre parziali sul 25-22 26-24 25-18.
Gara, a detta del pubblico medunese, meno entusiasmente delle due precedenti ma decisamente sofferta (e ora di finirla con la frase: "tre a zero facile" nessuno ci regala niente….per vincere ci vuole grinta e determinazione).

DEGNO DI NOTA:

– l'allenatore della squadra avversaria….fastidioso come una zanzara di notte;
– il famosissimo cubo di KUBRICK: Sara Big Body Boer esordisce così all'arrivo al palazzetto di Legnaro: "dai che bello hai il cubo di KUBRICK"!!!!;
– l'università  della Ci, per chi non l'avesse capito era quella vicino al palazzetto;
– iTronky della Ci, aveva detto di averne solo 6 e invece ne continuava a triar fuori come dalla borsa di Mary Poppins e a dire "vuoi un tronky?".

LA CINZIATA DELLA SETTIMANA:

"un'anguilla dice ad un'altra anugilla: stai tranguilla"