Meduna di Livenza, 14/04/2012.

Nella ventitreesima giornata di campionato, la Pallavolo Meduna capitola tra le mura amiche regolata per 3-1 da un Nautilus Chioggia (VE) maggiormente concreto e molto meno falloso del sestetto liventino.

Giallo-blu in campo con Fabio Cigagna in regia e Luca Conforti opposto, Alessandro Carniel e Michele Nardo al centro, Andrea Venturin e Simone Puppi in banda, Andrea Zanchettin libero, a disposizione Andrea Cusin, Tiziano Oggian, Diego Davidetti e Giuliano Bonadio.

Una partita a due volti quella giocata da Cigagna e compagni, che si può raccontare partendo dal 14-11 del terzo set quando un parziale di 1-9 ha fatto sterzare in modo decisivo e definitivo l’andamento di una gara che stava sorridendo ai nostri.

Infatti, dopo un avvio stentato appesantito da errori in attacco e in battuta e con qualche problema di ricezione, Conforti suonava la carica nel secondo parziale, chiuso ai vantaggi con un bell’attacco di banda: stessa musica in avvio di terza frazione fino all’incredibile black-out che ha servito su un piatto d’argento un ultimo set più simile ad una passeggiata al parco che ai 100 metri di un campionato di atletica.

I mali di questo Meduna “Edizione 2012” sono costanti e apparentemente irrisolvibili: errori diretti, forzature con soluzioni al limite, fragilità emotiva se la gara si mette sui binari dell’agonismo e quando le cose sembrano migliorare arriva sempre un momento “no” che spiana la strada all’avversario che, peraltro nel caso di sabato scorso non peccava certo di esperienza.

A tre partite dal termine è pressoché impossibile recuperare una classifica così deficitaria (terz’ultima posto a 20 punti), l’obiettivo è giocare al meglio raccogliendo il massimo possibile già nella difficile trasferta di sabato 21 contro il Massanzago (PD).

S.P.