Novembre 7th, 2011

KUADRIFOGLIO VOLLEY (PD) – PALLAVOLO MEDUNA (TV) 3-2 (21-25, 25-20, 25-20, 24-26, 15-13)

1.023 views, MASCHILE, by Timidone.

Campodarsego (PD), 05/11/2011.

Alla quarta giornata,la Pallavolo Meduna conquista finalmente il primo punto di questo complicato avvio di stagione, sull’ostico campo del Kuadrifoglio Volley, dopo una battaglia di oltre 2 ore che ha visto i locali uscire vittoriosi solo al quinto set.

Privo dell’infortunato Tiziano Oggian (ne avrà per almeno un paio di settimane), il coach Andrea Bellinaso modifica l’assetto consueto schierando Fabio Cigagna in regia in diagonale con Sirio Fantin, Alessandro Carniel e la novità Diego Davidetti al centro, Luca Conforti e Simone Puppi schiacciatori con Massimiliano Giuliari libero, pronti al cambio ci sono Andrea Cusin, Andrea Zanchettin, Andrea Venturin, Michele Nardo e Giuliano Bonadio.

Dicevamo di una gara durata oltre 2 ore, in cui si è visto di tutto un po’, momenti di bel gioco alternati a lunghi black-out, lunghi scambi ed errori marchiani, in un ottovolante di emozioni che ha premiato i padroni di casa forse più freschi fisicamente nel rush-finale, quando la stanchezza è parsa prevalere nella metà campo liventina.

Il primo parziale scivola senza patemi nelle mani di Carniel e compagni, subito ficcanti al servizio e regolari nelle fasi d’attacco grazie ad una ricezione ampiamente migliorata nelle percentuali e nelle zone di competenza.

L’iniziale vantaggio del secondo set (7-12) è però un fuoco di paglia e il primo dei passaggi a vuoto caratterizzanti la gara, offre ai numerosi e calorosi spettatori un break di 13-3 che manda le squadre sulla parità: l’eco di un tonfo tale risuona per tutto il successivo parziale quando la direzione tecnica di Andrea Bellinaso non riesce a mettere un paracadute alla caduta libera sancita da un preoccupante 25-20.

Il tempo volge al peggio e la pioggia che ha accompagnato la trasferta dei nostri ragazzi sembrerebbe volgere ad un forte temporale.

Invece, stavolta, il black-out è quello avversario e sul 22-16 si sente sapore di tie-break: ancora una volta non è la lucidità il marchio di fabbrica del sestetto giallo-blu, e in una girandola di errori in attacco, si arriva ai vantaggi tra gli sguardi increduli di tutti i giocatori, capaci però di chiudere 26-24 con un colpo di coda più caratteriale che prettamente tecnico, e di portare l‘incontro al quinto e decisivo set.

Qui l’iniziale svantaggio di 3-0 decide sostanzialmente il match: da quel momento in avanti si gioca punto a punto, il 15-13 sorride ai padroni di casa, ma timidamente anche ai medunesi, che hanno dimostrato, forse per la prima volta in stagione, un grande cuore e tanta voglia di raddrizzare un campionato dall’avvio pericolosamente stentato.

Sabato 12 si torna in via Cà Michiel: attendiamola Pallavolo Mussolente alle ore 18.00 con l’obbiettivo della prima vittoria stagionale.

S.P.

 

IL PAGELLONE DI SIMONE

 

Voto 6- per le gesta tecniche e 11 per le gesta goliardiche a Fabio “SIX o FIBRA o BOCIA” Cigagna: diamo atto che Fibra sta cercando di fare del suo meglio in un momento in cui non ha nemmeno un cambio che lo faccia rifiatare (e se già in fase di riscaldamento ha bisogno di rifiatare andiamo proprio bene…), diamo atto che in battuta si è dato una regolata, diamo atto che la sua palla spinta in banda, praticamente mai provata prima, non è affatto male anzi, diamo anche atto che il muro non è il suo forte e che la distribuzione è ormai un punto nodale (per ora sempre con il segno meno) delle sue perfomance. Diamo atto anche che, nel dubbio sull’identità di Ibrahim Ba, il suo siparietto con Gigi è di quelli da ricordare per molto tempo. CABARETTISTA.

 

Voto 6+ per le gesta tecniche e SV per le gesta goliardiche a Sirio “SIRIO” Fantin: il secondo opposto venuto dal Friuli deve diventare piano piano il primo terminale offensivo del sestetto liventino, e la cosa gli riesce a corrente alternata, a volte perde il filo del discorso soprattutto da posto 4, alla distanza lotta forse più con la stanchezza che con le alzate di Six, molto bene invece al servizio dove la sua mezza-flottante-a-mezzo-salto crea non pochi problemi agli avversari. Proverbiale un suo bagher d’alzata appoggiato con dolcezza alle luci del soffitto. INTERMITTENTE.

 

Voto 6 ½  per le gesta tecniche e SV per le gesta goliardiche a Michele “MIKE o MIKOPH PHOSTO” Nardo: parte dalla panchina stavolta, ma quando entra fa sentire il suo peso soprattutto in attacco. CONVINCENTE.

 

Voto 6 ½  per le gesta tecniche e 9 per le gesta goliardiche ad Alessandro “ISEO” Carniel: il centrale con l’Audi dagli interni in pelle più belli del parcheggio di via Cà Michiel sta trovando la forma migliore, al servizio sta diventando una garanzia, a muro è concreto quanto basta, purtroppo sabato è stato meno fortunato in attacco, marcato a uomo dal centrale avversario che gli stampa più di qualche muro sotto i piedi. Il suo canoro viaggio in corriera è qualcosa di notevole (duetto d’annata con Macci), lo attendiamo per la prima serata karaoke in programma con tutta probabilità nel mese di dicembre. INTONATO.

 

Voto 6 ½ per le gesta tecniche e 1.000 per le gesta goliardiche a Luca “CONFORT o COMFORT” Conforti: dopo l’opaca prestazione di 7 giorni orsono si riscatta ampiamente mostrando ampia parte di quelle qualità che tutti aspettavano. Se in ricezione non pecca pur rimanendo sempre un filino corto nelle parabole, in attacco sfrutta il suo colpo preferito, ovvero la diagonale lunga, in battuta crea problemi senza sbagliare, a muro deve ancora registrarsi un pochino. Il suo dopo partita è un perfetto contrasto di stile rispetto alle gesta del Dominic “Dom” Toretto protagonista del film proiettato al ritorno (Fast & Furious 5): se il secondo è un trionfo di benzina, muscoli e virilità tipicamente americana, il primo sarebbe la perfetta sceneggiatura del prossimo lavoro di Moccia intitolato, tra il pallavolistico e il polpettoniano, “Tiro forte3 metrisopra il cielo”. DOLCIFICANTE.

 

Voto 6/7 per le gesta tecniche e 10 per le gesta goliardiche a Giuliano “GIULI o IL PRINCIPE” Bonadio: seconda gara facile da giudicare, entra nel corso del quarto set e mette li un 86% in ricezione che per quanto certificato dagli scout di Mattia, lascia poco spazio ai dubbi, bene anche in difesa. Sua l’azzeccatissima scelta del film proiettato durante il viaggio, sua anche la prenotazione che ci porta al Cavallino per una straecca di ottimo livello: serata direi da incorniciare, conoscendolo sarebbe stata perfetta se avesse avuto come vicino di posto a tavola Tizi invece del sottoscritto. COMPLETO.

 

SV per le gesta tecniche e 10 per le gesta goliardiche a Tiziano “TIZZI o BAGIGGIOGGIAN” Oggian: problemi ad un piede lo tengono lontano dal campo ma condivide la trasferta facendo il tifo dagli spalti, per la gioia del sesso femminile estasiato alla visione di cotanta beltà. PREGEVOLE.

 

Voto 6 ½  per le gesta tecniche e 14 per le gesta goliardiche a Diego “GIGI” Davidetti: il Belli lo promuove titolare per sfruttare la sua battuta e i risultati si vedono, attacca poco ma la sua “palla che non ti aspetti” miete vittime. Si becca un cartellino giallo per aver imprecato davanti all’arbitro un “Perdindirindina!” che sinceramente non meritava una punizione tale. In corriera sfodera quella che credo sia la perla della serata, ovvero un consiglio diretto a Six a base di “acqua rasa”: la definizione di tale elemento mi è totalmente sconosciuta. SPONTANEO.

 

Voto 6+ per le gesta tecniche e SV per le gesta goliardiche ad Andrea “KUKO” Cusin: entra nel terzo parziale e riceve 3 palle con ottimi risultati, non è mai facile dare il proprio apporto anche solo per uno scampolo brevissimo della gara, ma il capitano ha il merito di ricoprire il ruolo nel migliore dei modi. UTILE.

 

Voto 6+ per le gesta tecniche e SV per le gesta goliardiche Andrea “BORRIELLO” Venturin: entra nell’infausto terzo set nel suo nuovo ruolo di opposto e anche stavolta timbra il referto con un bell’attacco in parallela tirato a freddo in un clima di generale scoramento: 100% e via andare! UTILE.

 

Voto 6+ per le gesta tecniche e 8 per le gesta goliardiche ad Andrea “ZANCHE o ZANKYIEV” Zanchettin: questa volta gioca in staffetta con Confort, garantendo il solito valido apporto in ricezione, i passaggi in prima linea invece rimangono rivedibili, tirando a filo nastro con un centrale di oltre2 metriè difficile fare punti. Però gli occhi gli si illuminano alla visione della definizione muscolare di “Dom” Toretto, protagonista su un terreno più favorevole al giovane laureando sandonatese. GRROSSSO.

 

Voto 6 ½ per le gesta tecniche e 9 per le gesta goliardiche a Massimiliano “MACCI” Giuliari: direi bene in ricezione anche se cercato poco dagli avversari, in difesa poteva prendere qualche palla in più se meglio posizionato (in un paio di occasioni ci siamo dati noia a vicenda), al ritorno complici i 7 amari trangugiati in un amen, intona un duetto con Iseo da far invidia agli 883 prima maniera. SANREMESE.

 

Voto 7 per le gesta tecniche e SV per le gesta goliardiche a Simone “SIMòN” Puppi: come dice il saggio, dei se e dei ma son piene le fosse ma se il talentuoso avvocato di Cordenons non si fosse ben adattato al nuovo assetto in ricezione e non avesse provato in settimana la quick in zona quattro (conseguenza della ricezione a tre), siamo proprio sicuri che oggi a Meduna si farebbe festa per il primo punto conquistato? Pochissime le sbavature in ricezione (solo un ace diretto) e tanti palloni messi a terra, molti dei quali davvero scottanti. Da dimenticare la sua prestazione alla voce “pallonetti”, è invece da evidenziare il notevole passo in avanti fatto in battuta dove crea notevoli difficoltà alla ricezione avversaria sempre in balia delle sue velenosissime battute corte. In difesa non pervenuto. TRASCINATORE.

Per il post un SV dato per lo più dal suo stato comatoso dovuto ad un principio di raffreddore che lo rende particolarmente abbacchiato. SV confermato e sottoscritto quando una volta a Oderzo rifiuta l’ultimo giro al Gellivs per i motivi di salute di cui prima. Amici del posto mi hanno detto di aver avvistato un A5 bianca lasciare Oderzo attorno alle 05.30. Se così fosse “SV” sta per super voto, ma questo lo saprà solo lui. APPLAUDITO dagli amici. (Copyright by Giuliano “Il Principe” Bonadio).

 

 

 

 

Back Top

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.